Radio SG- Soluzione Group

Soluzione Group lancia radio SG: pr e comunicazione in formato podcast

Lunedì 27 aprile segna l’avvio di Radio SG, la prima podcast radio nata a supporto delle campagne di PR aziendali, a favore di un’informazione diretta e immediata destinata a giornalisti, redazioni, marketer e a chiunque desideri mettersi in ascolto. 

Un’esperienza immersiva nel mondo delle imprese dei clienti SG per dare nuova forma e vita alle notizie prodotte anche attraverso questo strumento, ormai ben noto e utilizzato dagli stessi editori,  andando oltre al comunicato stampa tradizionale, supportando testi e immagini con contenuti audio finalizzati ai diversi pubblici di riferimento.

Radio SG nasce da un’idea del team PR a seguito di un’attenta analisi dell’attuale evoluzione delle relazioni con i media. “Oggi non possiamo più limitare il nostro lavoro alla scrittura, per quanto attenta nel linguaggio e coerente al contesto in cui viviamo, di semplici comunicati stampa. – spiega Anna Pelucchi, Head of PR – È necessario creare contenuti profondi e di servizio ai media a cui ci rivolgiamo, proponendoli oggi anche in forma multimediale, offrendo così ai nostri referenti delle redazioni la possibilità di scegliere il formato più idoneo e funzionale al loro lavoro e, di conseguenza, ai propri lettori o ascoltatori.”

È già disponibile il primo podcast di Radio SG, la cui fonte è una recente azione di brand journalism, ideata dal nostro team per il marchio Melinda sul tema “è così difficile far mangiare la frutta ai bambini?”. Un’intervista interessante e piacevole da ascoltare, che porta a confronto i dati emersi da una survey online realizzata dal nostro team di brand journalist su un panel di 500 mamme con i pareri professionali di nutrizionisti, psicologi e food blogger.

Radio SG è la dimostrazione di come i branded podcast possono non solo essere uno strumento di comunicazione con l’utente finale, ma anche un valido alleato per una strategia PR, che punti a informare, coinvolgere e perché no, intrattenere anche i giornalisti.

Condividi