Gruppo Miniera San Romedio partecipa al progetto “Sedotti e Abbandonati”

Come nuovo sponsor, Gruppo Miniera San Romedio partecipa a questo progetto territoriale, molto sentito anche a livello nazionale, legato ai temi della rigenerazione urbana. I materiali da costruzione per il restauro e i servizi di diagnostica offerti dall’azienda saranno argomento di approfondimento durante il webinar organizzato per i prossimi mesi.

 Gruppo Miniera San Romedio partecipa al progetto SEDOTTIeABBANDONATI, promosso dal Collegio degli Ingegneri del Trentino, in compartecipazione con il Citrac  (Circolo Trentino di Architettura Contemporanea) e il Fotogramma Associazione fotografica.

Obiettivo dell’iniziativa è generare interesse sul problema degli edifici abbandonati, sensibilizzando il pubblico su un fenomeno molto discusso in Italia, ma non ancora completamente riconosciuto: la presenza massiccia di costruzioni e infrastrutture la cui realizzazione non si è mai conclusa, o se portata a termine, è stata poi lasciata incustodita. Una nuova e importante partnership per Gruppo Miniera San Romedio, orgogliosa di sostenere la causa della rigenerazione urbana, all’interno di un progetto territoriale, molto sentito anche a livello nazionale. In programma, a partire dai primi mesi del 2021, un ciclo di conferenze sul tema, tra cui un webinar dedicato al “Recupero di edifici: aspetti tecnici”. L’intervento sarà curato dalla direzione tecnica del Gruppo, che presenterà i materiali dedicati al restauro di pregio, oltre ai servizi di diagnostica di HD System, che consentono di ottenere un quadro dettagliato dello stato dell’edificio, di risolvere puntualmente i problemi e ridare l’antico splendore agli intonaci originali.

“Lo scopo del nostro progetto è riuscire a riappacificarci con le ferite del nostro territorio e aprire un confronto tra i professionisti del settore sul possibile futuro degli edifici abbandonati. – afferma l’ing. Francesco Azzali, promotore dell’iniziativa SEDOTTIeABBANDONATITantissime di queste costruzioni, per quanto lasciate all’incuria, sono di grande interesse architettonico e sarebbe un’opportunità mancata lasciarle inutilizzate. Noi confidiamo nell’esperienza di tutti i partecipanti al progetto, confidando nella salvaguardia e nella rapida riqualificazione di queste strutture.”

La missione è quindi quella di ridare funzionalità ai numerosi edifici che stanno rischiando di perdere valore e centralità all’interno del territorio Trentino. Lo stesso obiettivo perseguito da HD System, il brand di Gruppo Miniera San Romedio, specializzato nella progettazione di materiali dedicati al restauro di pregio e al recupero architettonico, tutti perfettamente compatibili con l’edilizia antica, rispettandone l’esistente chimicamente, fisicamente e cromaticamente. In particolare, produce direttamente la calce idraulica naturale della più alta classe di resistenza (NHL5) con scaglia rossa trentina, una marna perfettamente bilanciata, estratta secondo criteri di rispetto e rigenerazione ambientale.

La presenza di uno staff tecnico garantisce consulenza e assistenza in ogni delicata fase di lavorazione, dai servizi di diagnostica pre-intervento fino ai sopralluoghi in loco. Proprio per procedere a un corretto intervento conservativo, nel pieno rispetto dell’opera e dei materiali che la costituiscono, HD System mette a disposizione di professionisti e imprese il servizio OFFICIUM, che verrà ampiamente descritto durante i prossimi eventi di inizio 2021.

Un supporto altamente specializzato destinato a professionisti e imprese con l’obiettivo di fornire dati verificati e certificati, necessari per poter procedere a un corretto restauro conservativo, nel pieno rispetto dell’esistente e dei materiali che lo costituiscono, utili anche in caso di ulteriori future revisioni.

E non solo, HD System offre un servizio di back office grazie al quale un ingegnere specialista sarà in grado anche da remoto attraverso piattaforme di comunicazione, di rispondere ai diversi quesiti per una corretta progettazione. Per dare un esempio sul consolidamento, un ingegnere strutturista fornirà consulenza dalla normativa tecnica di riferimento alla modellazione strutturale e all’analisi di vulnerabilità sismica e prove in sito di caratterizzazione.

Presso laboratorio R&S di Miniera San Romedio vengono poi condotte accurate analisi diagnostiche su campioni di malte originarie, in funzione delle necessità specifiche, richieste da ciascun progetto. Lo studio scientifico del prodotto da applicare, attraverso specifiche analisi mineralogiche, garantisce così il massimo livello di compatibilità con l’esistente.

Oltre a sensibilizzare l’opinione pubblica sul problema dell’abbandono degli edifici, Gruppo Miniera San Romedio, punta a offrire una gamma completa di prodotti per l’edilizia di pregio, attraverso un metodo di lavoro qualificato, frutto dell’esperienza pluridecennale nei più importanti cantieri di restauro e di procedure e tecniche consolidate che tutelano il lavoro dei professionisti coinvolti nella complessa valorizzazione degli edifici storici

About
Il Gruppo Miniera San Romedio nasce per preservare l’importante know-how dell’azienda Tassullo nella produzione e nella selezione di materiali per l’edilizia e per rilanciare sul mercato l’attività con una verticalizzazione di alcune competenze specifiche nel comfort abitativo con la divisione Puro Comfort, e nel restauro e recupero dell’edilizia di pregio con la divisione HD System.

La società che ha sede a Villa d’Aunania (TN), è partecipata da imprese del territorio. Il volume d’affari dello scorso esercizio ha raggiunto i 6 milioni di euro e per il 2020 è stato approvato un piano industriale di sviluppo in Italia e all’Estero da oltre 4 milioni di euro.

www.minierasanromedio.it

Condividi